FONDAZIONE CARNEGIE PER GLI ATTI DI EROISMO

RICONOSCIMENTI CONCESSI NELLA SEDUTA DELL' 11 DICEMBRE 2018

 

 

Medaglia d’argento

 

Luogotenente Guardia di Finanza Luca Cevia Bovo

Motivazione: Il giorno 9 aprile 2016, in Como, libero dal servizio, notava un pullman della locale azienda di trasporto immettersi senza rallentare nella piazza dove egli si trovava, rischiando di travolgere un passante. Spostata l’attenzione all’interno del bus, scorgeva l’autista svenuto al lato del posto guida, mentre i passeggeri non si erano resi conto dell’accaduto. Senza indugio coraggiosamente si lanciava verso il mezzo, riuscendo ad afferrare il maniglione situato sulla portiera, e cercava di avvertire i passeggeri del pericolo, facendo poi allontanare i passanti in attesa alla fermata. Contemporaneamente percuoteva la vetrata della porta, risvegliando il conducente che riusciva a riprendere coscienza e ad arrestare il veicolo, senza causare danni. Mirabile esempio di sprezzo del pericolo e di umana solidarietà."

 

Appuntato Scelto Riccardo Capeccia

Motivazione: "Il giorno 21 aprile 2017, in Dusino San Michele (AT), notava un autoarticolato fermo in posizione anomala e pericolosa in un tratto di strada in discesa. Fermata l’autovettura davanti all’autotreno, poiché il mezzo improvvisamente cominciava a muoversi, urtava l’auto e proseguiva in discesa, immediatamente si aggrappava al maniglione esterno e apriva la portiera, cercando inutilmente di spostare dal sedile di guida l’autista, in preda a convulsioni. Aggrappatosi al volante, evitava l’impatto con due veicoli e successivamente riusciva ad arrestare la marcia del mezzo, pigiando il pedale del freno con la mano. Mirabile esempio di coraggio e di umana solidarietà. "

 

 

 

Medaglia di bronzo 

 

Maresciallo Ordinario Massimiliano Pacini  

Motivazione: Il giorno 6 settembre 2014, in Isili (NU), in occasione di un violento incendio all’interno di una palazzina, unitamente a due colleghi, si introduceva nell’immobile invaso dalle fiamme e saturo di fumo, riuscendo a mettere in sicurezza due bombole di gas surriscaldate, scongiurando devastanti conseguenze.

Carabiniere Scelto Vincenzo Sercio Stessa motivazione di Pacini

 

Assistente Capo P.S.Salvatore Di Benedetto

Motivazione: Il giorno 18 dicembre 2014, in Castellammare del Golfo (TP), avendo notato la fuoriuscita di denso fumo dalla finestra di un’abitazione, si portava, davanti al portone suonando insistentemente il campanello e richiamando a gran voce l’attenzione di eventuali inquilini. Poco dopo cominciava a sentire flebili lamenti mentre le fiamme si levavano sempre più alte. Dopo aver richiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco, intravedeva un’anziana signora in evidente stato confusionale uscire sul balcone e poi rientrare nell’abitazione, nonostante i ripetuti inviti a rimanere all’esterno. Vista la estrema pericolosità della situazione, unitamente ad un collega forzava il portoncino a spallate, raggiungeva la signora avvolta dalle fiamme e la portava all’esterno a braccia nell’autovettura di servizio, in attesa dell’arrivo dell’ambulanza."

Assistente P.S.Francesco Collura Stessa motivazione di Di Benedetto

 

Appuntato Scelto CC. Giaocchino Salvi  

Motivazione: Il giorno 21 dicembre 2015, in Torino, affrontava coraggiosamente un uomo armato di pistola che minacciava di uccidere la propria compagna. Indossato il giubbotto antiproiettile ed al riparo dietro il tronco di un albero, iniziava una lunga opera di persuasione che gli permetteva di guadagnarne la fiducia, di avvicinarsi disarmato ed infine di bloccarlo, anche con l’ausilio di altri militari nel frattempo sopraggiunti.

 

Appuntato Scelto CC. Francesco Di Biase  

Motivazione: Il giorno 15 dicembre 2016, in Trinitapoli (BT), libero dal servizio, transitando alla guida della propria autovettura interveniva in soccorso di un uomo rimasto intrappolato nella propria vettura a seguito di un grave incidente. Nonostante il veicolo fosse interessato da un incendio, riusciva a liberare il malcapitato dalle lamiere ed  a trarlo in salvo, adoperandosi poi per spegnere le fiamme, approfittando del transito di un’autobotte.

 

Appuntato Scelto CC. Valerio Porcu  

Motivazione: Il giorno 6 settembre 2014, in Isili (NU), in occasione di un violento incendio all’interno di una palazzina, si arrampicava a più riprese su un’impalcatura prospiciente lo stabile, riuscendo a trasportare di peso un’anziana donna non deambulante e successivamente, unitamente ad altro militare, a trarre in salvo tre persone bloccate su di un balcone.

 

Carabiniere Scelto Mario De Bellis 

Motivazione: Il giorno 29 maggio 2015, in Bagno a Ripoli (FI), informato che due bambini erano caduti accidentalmente in un pozzo profondo 15 metri, non esitava a soccorrerli. Nella circostanza il De Bellis, pur non sapendo nuotare, dopo essersi legato con un tubo si calava nel pozzo, con l’ausilio di un collega, raggiungeva i ragazzi e puntellandosi con le gambe e la schiena alle pareti, li teneva sollevati con le braccia, per circa mezz’ora, fino all’arrivo dei VV.F.

 

Carabiniere Scelto Maurizio Marcattilii   

Motivazione: "Il giorno 6 settembre 2014, in Isili (NU), in occasione di un violento incendio all’interno di una palazzina, unitamente ad altro militare, riusciva a trarre in salvo tre persone bloccate su di un balcone. Successivamente si introduceva nell’immobile invaso dalle fiamme per mettere in sicurezza due bombole di gas surriscaldate."

 

Sergente Np Danilo Sabato 

Motivazione: "Il giorno 11 agosto 2016, nel lido Cavallo, comune di Trappeto (PA), libero dal servizio ed in compagnia della famiglia, veniva informato che una donna rischiava di annegare, a causa di una risacca provocata dal mare agitato. Immediatamente si tuffava in acqua dirigendosi verso la donna che si aggrappava disperatamente alle spalle del soccorritore. Con non poche difficoltà, riuscendo a portarsi fuori dalla risacca, comunque raggiungeva la riva portando in salvo la donna."

 

 

Attestato di benemerenza

 

1° Maresciallo Vincenzio De Lucia

Motivazione:"Il giorno 28 luglio 2017, libero dal servizio in località Sbocco sul litorale di Marsala (TP), notava un’anziana signora in balia delle onde, a causa del mare molto mosso. Poiché il bagnino era impegnato altrove, si gettava in acqua unitamente ad un collega, dirigendosi verso la donna che stava per essere trascinata al largo. Raggiuntala, la tranquillizzava e con  grande sforzo, riusciva a riportarla a riva, ove veniva soccorsa da personale medico sopraggiunto."

 

Maresciallo 1° Classe Luca Giuseppe Genovese

Motivazione:"Il giorno 28 luglio 2017, libero dal servizio in località Sbocco sul litorale di Marsala (TP), notava un’anziana signora in balia delle onde, a causa del mare molto mosso. Poiché il bagnino era impegnato altrove, si gettava in acqua unitamente ad un collega, dirigendosi verso la donna che stava per essere trascinata al largo. Raggiuntala, la tranquillizzava e con  grande sforzo, riusciva a riportarla a riva, ove veniva soccorsa da personale medico sopraggiunto."

 

Appuntato Scelto CC. Luca Infantino  

Motivazione: Il giorno 29 maggio 2015, in Bagno a Ripoli (FI), informato che due bambini erano caduti accidentalmente in un pozzo profondo 15 metri, non esitava a soccorrerli. Nella circostanza, mentre il collega si calava nel pozzo dopo essersi legato con un tubo, con tutte le proprie forze tratteneva l’altro capo del tubo fino all’arrivo dei VV.F., contribuendo al salvataggio dei bambini.

 

Brigadiere Maurizio Rossi

Motivazione:"Il giorno 11 novembre 2014, in Palestrina (RM), coraggiosamente si calava in un dirupo profondo circa 30 metri, legato ad una corda sorretta da un collega, per trarre in salvo una donna che vi era caduta. Raggiuntala ad una profondità di circa 15 metri, aggrappata ad appiglio di fortuna, la tranquillizzava fino all’arrivo dei Vigili del Fuoco."

 

Carabiniere Scelto Domenico Macchia

Motivazione: "Il giorno 11 novembre 2014, in Palestrina (RM), si prodigava nel salvataggio di una donna caduta in un profondo dirupo. In particolare sorreggeva un collega che legato ad una corda si era calato nello strapiombo fino all’arrivo dei Vigili del Fuoco."