FONDAZIONE CARNEGIE PER GLI ATTI DI EROISMO

 

RICONOSCIMENTI CONCESSI NELLA SEDUTA DEL 5 dicembre 2009

 

 

 

Medaglia d’oro

 

Pilota Golfera Andrea

Motivazione: “Il giorno 23 luglio 2007, durante una delle innumerevoli missioni di soccorso che era solito compiere con perizia, coraggio e generosità non comuni, nel tentativo di arginare le fiamme di un vasto incendio che minacciava numerose abitazioni nella zona di Acciano-Parco del Silente (L’Aquila), a bordo di un Canadair si schiantava contro una montagna coperta da una fitta coltre di fumo, perdendo la vita”.

 

 

Medaglia d’argento

 

 

Sig.ra Zamparutti Luisa

Motivazione: “Il giorno 26 agosto 2003, in frazione Pozzecco del comune di Bertiolo (Ud), notate delle fiamme nella casa attigua, dopo aver lanciato l’allarme, entrava nell’abitazione nonostante il denso fumo, riuscendo a trarre in salvo, con l’aiuto del marito, la vicina di casa, distesa a terra in stato di semincoscienza”. Mirabile esempio di coraggio e di umana solidarietà.

 

Brigadiere CC. Nuzzo Roberto

Motivazione: ”Il giorno 28 giugno 2008, in Cesenatico (Fc), unitamente ad altro militare penetrava coraggiosamente all’interno di un edificio in preda alle fiamme e nonostante il denso fumo raggiungeva il terzo piano traendo in salvo un’anziana donna disabile. Successivamente rientrava all’interno al fine di interrompere l’erogazione del gas e della corrente elettrica. Mirabile esempio di sprezzo del pericolo.

Appuntato CC. Cangemi Carmelo: stessa motivazione di Nuzzo.

 

 

Medaglia di bronzo

 

Appuntato Scelto CC. Sacco Giuseppe

 

Motivazione: “Il giorno 16 luglio 2008, in Verona, si adoperava con perizia e coraggio, unitamente ad un collega, nel soccorso di un uomo bloccato in stato di semincoscienza all’interno di un’autovettura che stava prendendo fuoco. Nonostante il pericolo di esplosione, liberava il malcapitato dalle lamiere e lo traeva in salvo prima che il fuoco avvolgesse completamente il mezzo”.

Appuntato Scelto CC. Amara Salvatore: stessa motivazione di Sacco.

 

 

Appuntato Scelto CC. Incorvaia Giuseppe Sandro

Motivazione: ”Il giorno 26 agosto 2008, in Scoglitti di Vittoria (Rg), a bordo di motovedetta si prodigava nell’attività di ricerca di un’imbarcazione ribaltatasi con due persone a bordo, ed una volta individuati i naufraghi si tuffava coraggiosamente nelle agitate acque riuscendo dopo estenuanti sforzi a trarli in salvo sul natante”.

 

Maresciallo aiutante Guardia di Finanza Catini Stefano

Motivazione: “Il giorno 12 agosto 2001, in località Cala Liberotto-Orosei (Nu), libero dal servizio, avendo udito invocazioni d’aiuto di una donna in gravi difficoltà in mare, prontamente si tuffava in suo soccorso e nonostante la forte corrente la raggiungeva, ormai esanime, la faceva riemergere consentendole di respirare e la traeva, anche con l’ausilio di alcuni bagnanti in quanto ormai stremato, in salvo a riva”.

 

 

Diplomi di benemerenza

 

 

V. Brigadiere CC. Gulino Giovanni Antonio

Motivazione: “Il giorno 22 aprile 2008, in Comiso (Rg), irrompeva unitamente ad altro militare in un’abitazione in preda ad un violento incendio e malgrado il denso fumo riusciva a trarre all’esterno l’uomo che a scopo suicida aveva provocato l’incendio, e successivamente l’anziana madre di lui, che poco dopo decedeva per le ustioni riportate”.

Appuntato Scelto CC. Carmelo Migliore: stessa motivazione di Gulino.

 

 

Appuntato Scelto Mare Guardia di Finanza D’Aloia Giovanni

Motivazione: “Il giorno 4 agosto 2007, in Martinsicuro (Te), libero dal servizio, notati due uomini scaraventati in acqua dal proprio gommone da una forte ondata, prontamente interveniva con il bagnino di turno e nonostante il forte vento riusciva a mettere in salvo i due naufraghi. Successivamente, unitamente ad un collega, bloccava l’elica del gommone che roteava senza controllo”.

 

 

Appuntato Scelto Mare Guardia di Finanza D’Ercole Vincenzo:

Motivazione: ”Il giorno 4 agosto 2007, in Martinsicuro (Te), libero dal servizio, unitamente ad un collega che poco prima aveva tratto in salvo due naufraghi, nonostante il forte vento,raggiungeva un gommone che senza controllo rotrava avvicinandosi pericolosamente alla riva, riuscendo a bloccarne l’elica e ad arrestarne la corsa”.

 

 

Appuntato Scelto CC. Fino Antonio

Motivazione: ”Il giorno 20 febbraio 2008, in Panni (Fg), libero dal servizio, unitamente ad altro militare irrompeva all’interno di un edificio in preda alle fiamme appiccate da un aspirante suicida, e raggiunto con mezzi di fortuna il balcone ove questi si era rifugiato, riusciva a bloccarlo ed a trarlo in salvo, malgrado la resistenza opposta”.

Vice Brigadiere CC. Chiusano Angelo: stessa motivazione di Fino.

 

Sono inoltre state inviate lettere di apprezzamento per i gesti da loro compiuti, ai sigg. Angelone Ercole, Terranova Giancarlo, Apisa Rosario, Barbiani Erica, Foschiatti Cristian, Pellarin Silvano, Savastano Raimondo, Felici Stefano, Magnani Gianluca, Maglione Giovanni, Cassini Luca, Cossu Peppino, Sacco Alessandro.